Archivio Tag: MandraLibri

La Tregua, l’orrore e noi

Ovviamente tutti gli italiani, più o meno scolarizzati, conoscono La Tregua, ma non so quanti effettivamente lo hanno letto. Io lo sto rileggendo oggi, dopo aver riletto, ieri, con desiderio e con sofferenza Se questo è un uomo. Dopo un’intera giornata

GOLIARDA, APPUNTAMENTO A POSITANO

Per tutta la sua intensa ma sfortunata vita, Goliarda Sapienza ha combattuto con lo spettro del fallimento. Una carriera di attrice teatrale interrotta sul nascere, l’approdo al mondo del cinema neorealista con registi importanti, come Luchino Visconti, Alessandro Blasetti e

Il senso del tragico secondo Ceronetti

Guido Ceronetti è senza dubbio uno dei più incisivi e graffianti osservatori della nostra società; e in un mondo in cui sembra prevalere soltanto il pensiero unico, le sue parole dissacranti e trasversali rappresentano un segnale vivo di libertà, autentico

Pensieri puri e pericolosi: rovine in attesa.

Tra le tentazioni della modernità sua eccellenza tentazione è di certo quella del passato, un luogo in cui rifugiarsi alla ricerca di quei valori che si ritengono perduti. La modernità può essere vissuta con fastidio, condanna e incomprensione, farsi concetto

Il nome di Lucia Panascì in Africa

Una serata all’insegna del ricordo e della memoria di Lucia Panascì: presentazione del Libro “Riusciremo ad andare oltre” pubblicato l’anno scorso dall’Ed. Plectica e cerimonia conclusiva per la realizzazione di un pozzo nel villaggio di Méme in Costa D’Avorio intitolato

Premio Salerno Libro d’Europa: la cinquina

Il Circolo dei Lettori di Salerno ha selezionato i candidati al Premio Salerno Libro d’Europa 2015, concorso letterario dedicato alla narrativa europea under 40, nell’ambito di Salerno Letteratura. Ecco la cinquina: Ignacio Escolar (Spagna, 31 Notti, ed. Marcos y Marcos),

L’italiano in paradiso o in terra?

«Gli angeli nel cielo parlano italiano», fa dire Thomas Mann al protagonista del romanzo Confessioni del cavaliere d’industria Felix Krull. Nel corso del tempo, la nostra lingua, ancora oggi tra le più amate e studiate al mondo, è stata definita

A zappare? No, andate a leggere!

Un tempo poteva capitare d’ascoltare l’esortazione “Andate a zappare!”, una sollecitazione non sempre scherzosa. Oggi credo si debba dire “Andate a leggere!”. Non è una novità che gli italiani abbiano poca dimestichezza con la lettura; qui vorrei dimostrare il nesso fra

Contro la falsa democrazia dell’editoria digitale

“Da Gutenberg in poi, abbiamo immaginato il nostro progresso intellettuale legato indissolubilmente alla «cultura del libro». Ma oggi, mentre a noi lettori capita sempre più spesso di avere in mano uno smartphone o un e-reader, sembra che questa storia secolare

University Comics Week

L’Università Niccolò Cusano lancia “University Comics Week” in collaborazione con il fumettista Gud Dal 22 al 27 settembre l’Università Niccolò Cusano promuove sul suo blog “University Comics Week”. Ogni giorno, per sei giorni, verrà pubblicata sul blog UniCusano una vignetta

FONOLOGIA DEL DIALETTO CILENTANO

“Fonologia del dialetto cilentano” (pubblicato in Italia da Galzerano editore) è un saggio di sicuro interesse per almeno due ragioni: per la straordinaria vicenda umana del suo autore, il professor Lewis Amedeus Ondis (nato Luigi Amedeo Ciuccio), e perché si

Il superfluo ci rende felici?

Ci sono alcuni luoghi in cui si respira un’atmosfera del tutto particolare, dove è possibile perdersi piacevolmente e dimenticare, per qualche momento, gli affanni e le fatiche del vivere quotidiano: questi luoghi sono le librerie, i vivai e i ferramenta.

LA CULTURA DELL’UVA FRAGOLA E DELLA PASTA E FAGIOLI

C’è una vecchia canzone dei Napoli Centrale che si intitola “A musica mia che r’è”. I primi versi recitano: “A musica mia che r’è? È vino e’ fravulelle e pasta e fasule” (Cos’è la mia musica? È vino di uva

A proposito di libri… ben venga il brutto per poter apprezzare il bello

Ho scoperto da poco questo blog molto interessante, che mi stimola a fare qualche commento. Sono d’accordo con lei, Sig. Vladimiro, sull’importanza dei libri per il nostro spirito. Anch’io ho bisogno di toccarli e annusarli quando li leggo. Li devo

La difficile arte del morire

Non c’è niente di più poetico al mondo della morte di una bella donna  (Edgar Allan Poe) A due anni dalla pubblicazione de Le brave ragazze non leggono romanzi, l’ultimo libro della studiosa fiorentina Francesca Serra, La morte ci fa

Vita e tempeste, guerre e misteri di un Cilento ribelle per forza

Raffaele Alliegro, Marco Fimani, Il destino cambia in tre attimi  Otto racconti di piccole grandi ribellioni dalla rivoluzione francese alla crisi del ’29 ricostruiti attraverso atti giudiziari di processi fedelmente riportati al termine del racconto, otto rivoluzioni e molte condanne

Il caffè prendiamolo al bar e il libro portiamolo dentro di noi

L'editore Mino Paolino

Leggendo le belle parole di Nicola (Ricordando la Libreria Paolino di Ascea) ho pensato a tutti i momenti trascorsi nella libreria di famiglia (la foto a sinistra ritrae mio padre, l’Editore Mino Paolino), io sono nato in mezzo ai libri, da

Ricordando la Libreria Paolino di Ascea

Relativamente alla chiusura della Libreria Portalba di Napoli, leggo nelle considerazioni di Mino Paolino una malcelata malinconia, ferma restando la lucida e condivisibile analisi. Ma questo mi offre lo spunto per “rimpiangere” un’altra libreria storica, non di Napoli ma cilentana: