Archivio Tag: italia

Quella volta che Leopardi chiese la raccomandazione

Qualche giorno fa un parlamentare della repubblica ha confessato durante una intervista di aver ricevuto, in 12 anni di permanenza nelle istituzioni, ben 20.000 richieste di raccomandazioni. Sembrerebbe, visto l’andazzo, che l’Italia sia una repubblica fondata non sul lavoro –

Danzando il sud a Morigerati

Workshop di Tarantella dal 16 al 20 aprile a Morigerati Danza del Mediterraneo con suDanzare, scuola internazionale di danze popolari del sud Italia Dal 16 al 20 aprile un lungo week end danzante, in un borgo rurale del Cilento, Morigerati, con un

Unicusano: l’infografica sulle conquiste in rosa in Italia

Le donne sono il 58,9% dei laureati, ma solo il 16% siede nei CdA L’Università Niccolò Cusano lancia l’infografica Le conquiste delle donne in Italia nell’impresa, in politica e nell’università che riporta i dati raccolti dalle Facoltà di Scienze Politiche

A zappare? No, andate a leggere!

Un tempo poteva capitare d’ascoltare l’esortazione “Andate a zappare!”, una sollecitazione non sempre scherzosa. Oggi credo si debba dire “Andate a leggere!”. Non è una novità che gli italiani abbiano poca dimestichezza con la lettura; qui vorrei dimostrare il nesso fra

Senza soldi non si cantano messe

“Legalità malleabile e sostenibile, se mi conviene rispetto le regole, altrimenti no” (don Ciotti) S., che si autodefinisce imprenditore, è più esattamente un lavoratore in proprio. Aspetta e si procaccia lavoro, probabilmente versa i suoi bravi contributi, si batte contro

Tavola Clandestina porta in rete l’eccellenza gastronomica dei piccoli produttori italiani

Tavola Clandestina nasce nel 2009 come un piccolo gruppo di amici appassionati di cibo che guidati dagli esperti Fabio Fassone e Domitilla Ruffo, andavano in cerca di prodotti alimentari artigianali e di alta qualità. Crescendo man mano il numero delle

Perché parlare di democrazia?

La mia generazione ha vissuto un’epoca in cui era normale, per molti, partecipare alla vita politica del Paese. Spesso essa si manifestava iscrivendosi ad un partito, frequentandone le sezioni. Da molto tempo non è più così. Il distacco dalla politica

Repubblica democratica fondata sul lavoro. O, almeno, dovrebbe

“L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro” così inizia la nostra Costituzione. Essa sottolinea la fondamentale importanza che il lavoro ha per la piena affermazione umana e sociale di ciascun cittadino. La sua importanza è ulteriormente sottolineata dal fatto

Italia o morte

Non capita tutti i giorni, a una vecchia cinica quale sono, di addormentarsi con la rabbia nel cuore, quello stesso cuore abitato da un disprezzo troppo solido, pietrificato per riuscire ancora a esprimersi in commozione. È il regalo che il

Pompei cade a pezzi. Come l’Italia tutta

Ancora  crolli a Pompei, ormai non suscitano più nemmeno il nostro sdegno attesa l’ordinarietà del fenomeno. E ogni volta leggiamo le dichiarazioni dei politici che si indignano si preoccupano e promettono iniziative risolutive. Poi puntualmente il nulla. Hanno ragione gli

Sondaggio sul Governo Renzi

Il governo Renzi è il sessantatreesimo governo della Repubblica Italiana, il secondo della XVII Legislatura, in carica a partire dal 22 febbraio 2014, succedendo al governo Letta, dimissionario dal 14 febbraio. Il 25 febbraio 2014 ha ottenuto la fiducia prima del Senato della Repubblica (con 169 voti favorevoli e 139 contrari), poi della Camera

Gli idioti

Abbiamo finalmente saputo da degni rappresentanti della cosiddetta politica che gli idioti, in questo paese, si dividono in due grosse categorie: gli utili e gli inutili. Gli utili idioti fanno parte della maggioranza che governa l’Italia, mentre quelli inutili si

Scoperta clamorosa! Presto in commercio catalizzatore per energia a basso costo e verde

La notizia è sconvolgente e sta facendo il giro del mondo. Sembra che l’italiano Andrea Rossi, ingegnere operante nel campo delle rinnovabili, abbia brevettato una macchina dalle caratteristiche epocali, l’E-Cat, capace di risolvere da sola i problemi energetici dell’umanità. Ma

Tutti zappa alla mano. Quando? Fra dieci anni!

Secondo un’autorevole e recentissima relazione della Commissione Europea sull’Eurozona, tra dieci anni l’Europa sarà allo stato economico del 1960. Il nostro tanto tutelato continente, sarà regredito di cinquant’anni rispetto agli Stati Uniti e il livello di disoccupazione generale sarà del

Cilento? No, Cristo si è fermato a Eboli

Le problematiche mai risolte del sud   Per la tematica trattata, oggi potrebbe essere definito un libro-denuncia, il romanzo di Carlo Levi “Cristo si è fermato a Eboli” riletto recentemente a distanza di oltre 30 anni dalla mia prima lettura, avvenuta

Surrealismo all’italiana

Dal 14 giugno al 13 ottobre Sorrento ha ospitato la mostra The Dalì Universe, un’esposizione dedicata alla meno nota attività artistica di Salvador Dalì: più di cento opere scultoree e grafiche  dell’artista dei mondi onirici, del delirio e della paranoia

Qui la meta è partire

In occasione della presentazione presso la Provincia di Milano dell’ultimo libro del compianto Giuseppe De Marco, riproponiamo la nostra recensione di inizio aprile su “La Mandragola”, pochi giorni prima della sua morte. Con rinnovata stima nei confronti di una vera

IL MISTERO DELL’EURO

Il primo gennaio 1999 è una data epocale per la recente storia economica   d’Europa: da tale data l’Euro è divenuta moneta ufficiale (pur se con la doppia circolazione temporale tra moneta nazionale ed Euro) per i primi Undici Paesi europei,

Marina Vs Matteo: da Dynasty a X Factor

Dopo le ultime vicende all’interno del PDL, il decadimento imminente di Berlusconi, le sfide tra falchi e colombe e le aspre battaglie in senato, credevamo di aver iniziato finalmente una nuova stagione, di esserci lasciati alle spalle il tempo dei

LA GRANDE MENZOGNA DELL’UNITA’ D’ITALIA

I testi di storia, redatti dai vincitori, hanno indotto generazioni e generazioni di Italiani a credere nella valenza salvifica dell’unità d’Italia per il meridione. Non è così: le spoliazioni perpetrate ai danni del sud costituirono per i conquistatori piemontesi il