Pensieri puri e pericolosi: rovine in attesa.

copertina rovine attesaTra le tentazioni della modernità sua eccellenza tentazione è di certo quella del passato, un luogo in cui rifugiarsi alla ricerca di quei valori che si ritengono perduti. La modernità può essere vissuta con fastidio, condanna e incomprensione, farsi concetto assoluto del disagio e dell’estraneità rispetto al sentire altrui. È nella politica che questo disagio si manifesta prepotente: una tabula rasa di programmazione, ideali, diversificazione che produce quell’horror vacui che con termine terribile chiamiamo qualunquismo ma che di fatto è rassegnazione a un presente che non si può cambiare. La lotta, laddove resiste, parla la lingua vecchia del passato, un passato che nostalgicamente proviamo a ricostruire criticamente. Nelle desolate terre del sud Italia la rassegnazione è incancrenita nella convinzione di essere condannatati a un destino ineluttabile e crudele originato, secondo l’opinione di molti, da quella ferita mai curata dell’unificazione nazionale. Chi ha strappato il meridione dai fasti e dalla gloria, da un’identità di popolo unito sotto la stessa cultura, lo stesso re, lo ha fatto con false promesse e con cattiva coscienza. Il nostro sud è come una vecchia casa in rovina ristrutturata secondo regole scorrette che hanno impiantato, in luogo di forti pietre e pregiati legni, effimere promesse laddove profumavano i limoni e fiorivano le vigne e i ciliegi. Pensiero puro e pericoloso. Rovine in attesa.

Cosa accadrebbe se da questo pensiero si provasse a fare un passo più in là, un progetto di rinascita, un progetto rivoluzionario che porti le lancette della storia indietro nel tempo senza cancellare l’esperienza del tempo intanto trascorso? L’ultimo libro del giovane scrittore di origini cilentane Alfonso Cernelli, Le rovine in attesa, parte proprio da questo presupposto per narrare con delicatezza il tema del passato nell’ossessione di un nobiluomo in rovina, arroccato nel suo palazzo, nascosto tra i libri di una ricca biblioteca, a coltivare progetti rivoluzionari per la propria terra. Un destino, quello del marchese Alberico Priviano, condannato e fatalmente destinato ad incontrarsi con altrettanta solitudine: il giovane Erminio Narri, giurista bibliotecario insoddisfatto e frustrato riceve una misteriosa lettera in cui gli viene offerto un incarico segretissimo e importante. Erminio lascia tutto, un amore, un lavoro sicuro, gli amici, per abbandonarsi al caso e all’incertezza, per inseguire la tentazione di un sogno di grandezza, trovare uno scopo più alto alla propria esistenza.
I due uomini si immergono nella costruzione di un nuovo ordine socio-politico e si abbandonano alla folle illusione di poter cambiare il corso della storia. Sprofondati nella solitudine, don Alberico e il Narri trovano reciproco sostegno nutrendosi di entusiasmo per un comune e nobile obiettivo: fondare un nuovo stato e dotarlo di una carta costituzionale. Nella storia di don Alberico e del Narri troviamo una tentazione e una sconfitta che è affermazione di un’attesa: il nostro sud, le rovine del passato mummificate, le potenzialità sempre inespresse della nostra terra, attendono che la lotta si compia nel presente, con la lingua e la testa di oggi per costruire il domani. Il coraggio di esprimere questo concetto semplice e cruciale risiede nella stesura stessa del libro, nella scelta di esprimersi in narrativa, in una narrazione peraltro non sentenziosa, non conclusiva: il libro lascia aperto il finale, le conclusioni e persino le interrogazioni, evitando il bozzetto meridionalista, ponendolo anzi come imputato. Perché gli slogan e le sublimazioni, le frasi fatte e i luoghi comuni, sono forse i peggiori nemici della nostra ossessione di rinascita: gli alimentatori di confusioni e ignoranze sotto le quali ci siamo irrimediabilmente sepolti.

Serena Di Sevo

[Alfonso Cernelli, Le rovine in attesa, 2015, Alter Ego Edizioni. Alfonso Cernelli è nato a Roma nel 1985, ma è originario del Cilento. Ha esordito nel 2010 con il romanzo Percezione dell’inverno, Aletti editore]

 

4 Commenti per Pensieri puri e pericolosi: rovine in attesa.

  1. RonNoff ha detto:

    Where Can I Buy Cialisi Legally Cyklokapron Kamagra 100mg Oral Jelly [url=http://viaonlineusa.com]viagra[/url] Buy Now Online Viagra Acquista Cialis Generico Online

  2. Essay-kit ha detto:

    Although an American could make a romantic date with a friend and expect it to begin exactly on time, the French, to the other hand, aren’t usually such sticklers about time; there’s a tad bit more flexibility concerning when things begin. Guess you intend to ask somebody enough time in French. Or you’re able to ask whenever they possess the time – Vous avez l’heuere?/Tu as l’heuere? To tell time, you begin by stating Il est… You then put the amount of the hour in addition to the expression heure(s). When it is three fifteen, include quinze or et quart after heures. When it is three forty five, there are two different ways to tell some time: by still anticipating from 3:00 – Il est trois heures quarante-cinq, or by seeking backward from 4:00 – Il est quatre heures moins le quart or Il est quatre heures moins quinze. To ask somebody what period an event reaches, request ?? quelle heure…? If you like to know especially when anything happens, especially repeatedly, ask Quand…? To explain an event happens between selected hours, use the system entre ___ et ____ or de ___ (jusqu’)??. Creating 6:15 a.m. will be prepared 6h15. 6:00 p.m. would be written 18h. Critical Vocabulary Like that, you can inform a PAL, “Meet me at dawn” or an accomplice, “Fulfill me at sunset.” – when?/ at what moment? tu as l’heure? Quelle heure est-il? Il est une heure – it’s one o’ clock. Il est deux heures et quart – it’s two fifteen. Il est trois heures moins vingt – it is twenty-to three (or two forty). Il est minuit. Viens me rencontrer l’aube.
    [url=http://www.agreatertown.com/ukraine_un/how_to_make_your_academic_essay_look_professional_0003689859]buy a essay paper[/url]

  3. generic cialis ha detto:

    Hello1Bing1Bing1BinHello
    Hello1Bing1Bing1BinHelloSORYMEPLS
    Aw, this was a really nice post. In concept I would like to put in writing like this additionally – taking time and actual effort to make an excellent article… however what can I say… I procrastinate alot and on no account seem to get one thing done.

  4. BrettNip ha detto:

    wh0cd209447 [url=http://levitra.college/]Buy Levitra Online[/url]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.